random posts · publications · unsoftware · not so random links · who am I? · noisy stuffs · don't tell this anyone... · ...tell everyone this one

home


L'effetto dell'informatica `user centered`

Ipertrofia segnica

La società del Novecento è stata caratterizzata da un sovraffollamento di segnali. Ovunque andiamo, troviamo segni, indicazioni, scritte, simboli. Viviamo in un horror vacui della comunicazione. La società degli anni duemila è andata oltre. Nel XX sec. il capitalismo cominciò a martellare le persone con informazioni le più disparate con l’obiettivo di: sostenere i consumi, garantire la comprensione delle leggi e indicare il comportamento a cui le persone dovevano attenersi. L’ipertrofia segnica del Novecento poneva pertanto tutte le persone sullo stesso piano e si rivolgeva a tutti allo stesso modo. Era una comunicazione larga, uguale per tutti, che al più escludeva delle componenti in modo collettivo – vd il razzismo – ma mai individuale, non ci furono mai cartelli con scritto “vietato l’ingresso a Tizio, Caio e Sempronio”, tuttalpiù succedeva con personalità famose ed erano comunque casi eccezionali.

La tecnologia per comunicare

Il mantenimento del potere nel Novecento ha sfruttato proprio questi fattori: sostieni i consumi con la pubblicità, garantisci che le persone non si ribellino mantenendole ordinate e consapevoli di stare commettendo un reato. Nelle modalità di diffusione di tali informazioni, dalla pubblicità ai notiziari passando per i cartelli stradali, si celava lo stato dell’arte della tecnologia. Per questo la società capitalistica ha sempre difeso la scienza: per aumentare i profitti grazie alla tecnologia che le scienze producono, che può aiutare a produrre e/o ad assuefarre la classe dominata. Gli anni duemila sono andati oltre. La tecnologia che, addomesticata dal capitalismo, aveva generato un horror vacui comunicativo, si rivelò ancora più potente, potendo ora comunicare con le singole persone. Oggi, come nel XX secolo, siamo ancora immersi in una quantità di segni un tempo inimmaginabile. La tecnologia prodotta ha permesso ai gestori della comunicazione, quindi agli imprenditori e, in un’ultima istanza, allo Stato, di comunicare direttamente con i propri cittadini, su base personalizzata.

User centered

Quello che in informatica si chiama “user-centered”, è in realtà la cosa che ci sta fottendo il cervello. Ciascuna persona che in metro, sul treno, in autobus, nel letto prima di addormentarsi, durante una serata in un momento di imbarazzo, chiunque apre il cellulare, in ogni momento, riceve una quantità di informazioni altissima e, soprattutto, personalizzata. Il cellulare è ovunque, se ci siamo noi, c’è il cellulare. L’obiettivo del grande mercato dell’informatica oggi è personalizzare i servizi. Ovunque, a ogni livello. Questo, per noi, ha due rischi. Primo, che non siamo più padroni di cosa cerchiamo; il 90% delle volte che un sistema informatico ci fornisce delle informazioni personalizzate, non ci dà quello che sceglieremmo se fossimo messi nella possibilità equa di scegliere da un sistema non personalizzato. È il sistema che induce in noi una scelta, vuoi per motivi commerciali, vuoi per politica o vuoi per errore. Secondo, il sistema personalizzato ci rende egocentrici. Tutte queste informazioni rivolte a noi, a noi in persona, ci abitua ad essere sempre al centro dell’attenzione. Ecco, se il capitalismo si basa sull’egoismo, questa è la ricetta per mantenere il potere, per dividere, per accattivire i poveri contro i poveri. E per lanciarci in una gara a chi arriva più in là, dove non si sa, soltanto più in là.

E ora?

Ora, resta da capire come combattere questa combinazione di personalizzazione forzata e di surplus informativo. Possiamo scegliere di abbandonare la tecnologia e combattere il sistema dal di fuori. Non credo avremmo la meglio. Eppure, ogni cosa che facciamo, ogni parola che scriviamo, questo stesso discorso, alimenta e rafforza un sistema pericolosissimo che ci sta portando alla fine della ragione. E allora? non lo so, però smettiamola di vivere su facebook e instagram. Usciamo da questo vortice di autocompiacimento da social. Riprendiamo il contatto umano con le persone. Smettiamo di usare qualunque sistema user centred (sì, vuol dire smettere di usare facebook, spotify, netflix, instagram, google etc. etc.), perché sono loro che hanno gettato le basi per queste risposte egoistiche alle crisi sociali. Vuoi mantenere un contatto con i tuoi amici? Scrivi, chiama, parla.